Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Squinzi’

Nemici e mezzi amici

IERI IL MINISTRO DEL TESORO PADOAN HA AVVERTITO: “PRIMA I CONTI. NON SI CAMBIANO LE REGOLE EUROPEE”.

Non sarò il signor no, ma è necessario assicurare la stabilità economica al Paese mettendo i conti a posto”. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, parlando al Forum della Confcommercio a Cernobbio indica la precondizione fondamentale che va insieme alla necessità di “crescere, recuperare competitività, creare buona occupazione”. E insieme i confini entro cui il governo si può muovere. Di più: “Bisogna mantenere la politica di bilancio nel quadro normativo comunitario, per altro recepito dall’ordinamento nazionale”. Dunque, “non porsi l’obiettivo di cambiare le regole Ue”.   (altro…)

Read Full Post »

GIORGIO Squinzi è un noto appassionato di ciclismo. Sarà forse per questo motivo che ha deciso di ispirare la sua personale interpretazione del ruolo di Presidente di Confindustria al temperamento di un corridore di altri tempi. Ogniqualvolta si trova a commentare una qualche scelta del governo, non trova di meglio che ripetere la celebre frase di Gino Bartali al termine di ogni gara in cui non avesse trionfato: «L’è tutto sbagliato, l’è tutto da rifare». Peccato che ciò su cui viene chiesto il parere di Squinzi non sia il risultato di una tappa del Giro, ma le scelte di un governo che opera in condizioni di emergenza con gli occhi del mondo puntati addosso. Peccato che Squinzi non si riferisca come Bartali a una sua prestazione, non parli del tempo da lui impiegato nella salita dello Stelvio, ma intervenga a nome di tutti gli industriali italiani, impegnati oggi in una prova molto più difficile di una salita di24 chilometri. C’è sempre un tempo di apprendimento nel cambiare mestiere e speriamo che Squinzi rapidamente capisca che il suo nuovo ruolo gli pone nuove responsabilità anche sul piano della comunicazione. Ma quello che preoccupa delle esternazioni di sabato di Giorgio Squinzi non è solo lo stile. (altro…)

Read Full Post »

La riforma del lavoro è una boiata, ha dichiarato il nuovo presidente di Confindustria, premurandosi di precisare che in questo periodo sta cercando di moderare i toni. Gliene siamo grati. In effetti Squinzi non ha prodotto rumori con la bocca né mostrato il dito medio alla platea. Si è limitato all’analisi cruda, essenziale: una boiata. Può darsi abbia ragione, intendiamoci. Molti la pensano come lui. Però, specie se occupano ruoli di responsabilità e non stanno bevendo l’aperitivo al bar, si sforzano di articolare il dissenso in forme più complesse. Che sciocchini. Boiata ha tanti pregi: è una parola sciatta, quindi spacciabile per popolare, ed essendo composta da sole sei lettere entra a meraviglia nei titoli dei giornali. (altro…)

Read Full Post »