Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Toh’

iTALICUMDa Fioroni agli alfaniani, fino a Re Giorgio: il mito non è più intoccabile.

Un tempo qui era (quasi) tutto Italicum. Quanto “semplificava”, la legge elettorale del rottamatore che non doveva chiedere mai. Come “smuoveva”. Un prodigio, anzi “una vittoria culturale”, “un importante raggiungimento”. Lo salmodiavano (quasi) tutti: la gran parte del Pd, gli alfaniani, gli alleati di multiforme natura, financo destrorsi ammutinati e schegge varie, in un Parlamento che è tutto un gruppuscolo. (altro…)

Read Full Post »

M5s

Ogni tanto i padroni dell’Italia e la stampa e le tv al seguito decidono che i 5Stelle sono morti e si può tornare ai bei tempi del finto bipolarismo, quando destra e sinistra si alternavano al governo, l’una per fare più o meno le stesse cose dell’altra, che intanto fingeva di opporsi. Poi un’elezione, una manifestazione, un sondaggio li riporta alla triste realtà: il M5S è sempre vivo, anzi rimane largamente il secondo partito, l’unico che non perde consensi, anzi ultimamente ne guadagna. E allora fingono di cadere dal pero: “I 5Stelle risalgono a sorpresa”. In effetti è sorprendente che la forza politica più ignorata e massacrata dai media, i quali ne parlano solo per segnalarne gli errori e le divisioni (com’era accaduto solo alla Lega delle origini e a Di Pietro), sia ancora lì sopra il 20%, mentre gli altri (sempre in tv a pavoneggiarsi e a farsi elogiare) calano o franano? La Banda Larga, sotto la regìa di Renzi, sperava di aver trovato in Salvini il caterpillar spazza-Grillo, infatti ne ha fatto per mesi un gigante mediatico, che però s’è già mezzo sgonfiato dopo il pieno di consensi.   (altro…)

Read Full Post »

Apprendisti

Sarà in libreria a giorni il nuovo saggio di Romano Benini sulle diverse concause della disoccupazione record italiana.

Benini è un esperto di lavoro che insegna alla Sapienza e cura il sito Work Magazine, con diversi libri all’attivo.

Tra le tesi di quest’ultimo studio, c’è quella – dati alla mano – sugli effetti della mancata formazione: in questo Paese lo Stato ha tagliato gli investimenti sulle conoscenze sul know how dei giovani. Benini nota anche come ci sia una correlazione proporzionale abbastanza stretta, in tutta Europa, fra impegno/disimpegno nel settore e conseguente occupazione/disoccupazione. (altro…)

Read Full Post »