Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ue’

L’euro è irreversibile.
Dall’Euro non si esce.
Dall’Europa non si esce.

La Grecia nel 2015 aveva osato sfidare l’Europa e gli economisti (quelli col sedere al caldo) e tutti ripetevano le stesse cose: prima pagate tutti i debiti poi forse negoziamo. Non sono riusciti a pagare i debiti e stanno ancora peggio di prima. (altro…)

Read Full Post »

m5seuropabruxelles

Nel primo pomeriggio io e Davide Casaleggio abbiamo avuto una Skype call con Nigel Farage, ex leader della delegazione inglese Ukip e presidente del gruppo Efdd. Abbiamo rinnovato l’accordo, rinunciando alla carica della co-presidenza che fino ad oggi è stata occupata da David Borrelli. Fallito l’accordo con il gruppo ALDE, abbiamo rispettato la volontà espressa dalla rete applicando la seconda scelta più votata dai certificati: rimanere nel gruppo Efdd. (altro…)

Read Full Post »

di-battista

“Il M5S viene percepito e trattato, in Italia e anche in Europa, come un corpo estraneo da buttare fuori. In questo caso, una parte di sistema che ha impoverito l’Europa ci considera un pericolo”. Così a Otto e Mezzo (La7) il deputato del M5S, Alessandro Di Battista, si pronuncia sull’accordo che i vertici del movimento volevano stabilire con il gruppo europeo liberal-democratico Alde. “Loro si sono tirati indietro” – continua – “perché era bene che alcune idee del M5S, che avremmo tenuto in piedi, fossero lasciate fuori. La mia posizione è quella di riuscire a formare un gruppo autonomo, perché quando andiamo da soli è meglio”. (altro…)

Read Full Post »

ueLe cancellerie dell’Unione europea ignorano molte virtù, ma non quella della pazienza. Del resto al 4 dicembre mancano poco più di due settimane e qualche intemperanza da Roma, qualche “pugno battuto sul tavolo”, si può incassare senza danni. Specie se Matteo Renzi pensa di averne bisogno, per vincere il referendum ed evitare che alle acque incognite della Brexit e dell’era Trump si aggiunga una crisi di governo – o di sistema – anche in Italia, paese fondatore dell’Unione. (altro…)

Read Full Post »

juncker

Presidente Commissione: “Costo per profughi e terremoti è dello 0,1% del Pil. Era stato promesso deficit
dell’1,7%. Ora viene proposto il 2,4%”. Renzi: “Su soldi per le scuole non guardiamo in faccia a nessuno”.

Il presidente della Commissione Ue respinge gli attacchi di Renzi e ricorda che Roma “aveva promesso di avere un deficit dell’1,7% nel 2017 mentre ora ne propone uno del 2,4% a causa dei terremoti e dei rifugiati, mentre il costo si riduce allo 0,1%”. Il premier risponde, come sempre, che “la stabilità delle scuole” vale più di quella dei conti. Ma l’authority indipendente è d’accordo con il lussemburghese. (altro…)

Read Full Post »

ellekappaDa eccesatira.blogspot.it

Read Full Post »

merkel

Merkel, Hollande e Juncker si vedono a Berlino mercoledì: “Il tema è l’agenda digitale”. Escluso il premier: iniziata la guerra del deficit.

La risposta poteva essere: “No”. Invece è stata: “Il problema è se la Germania accetterà o meno”. La domanda a Matteo Renzi l’aveva posta il Washington Post. Questa: l’Italia prenderà il posto della Gran Bretagna nell’Europa “dei grandi”? Ora, il fatto che il premier italiano non venga invitato a un incontro a Berlino a cui mercoledì parteciperanno – oltre alla cancelliera Angela Merkel – il presidente francese François Hollande, quello della Commissione Ue Jean Claude Juncker, più i principali industriali europei, è spiacevole, ma non drammatico: è solo il segnale che l’Italia non si siederà al tavolo di quelli che dettano le regole nell’Unione, tanto più dopo la plateale rottura avvenuta al vertice europeo di Bratislava su crescita e migranti. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »