Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘unicef’

In fuga

Profughi e rifugiati l’altra apocalisse che l’Occidente vuole dimenticare.

Sono 51,2 milioni, la metà dei quali minori. Da Gaza all’Iraq al Sudan all’Ucraina.

L’Europa “pacifista” si divide tra chi vuole accoglierli e chi li vuole espellere ma appare ogni giorno più impotente.

IERI il sito di Repubblica si apriva con l’appello della benemerita Unicef in favore dei bambini di Gaza. In concorrenza coi bambini dell’Iraq, che hanno soppiantato gli appelli per i bambini della Siria, e a loro volta le bambine della Nigeria.

APPENA un mese fa si era comunicato il numero raggiunto dai profughi sulla faccia della terra: 51,2 milioni, il record, metà di loro minori. Abbiamo imparato le parole per nominarli: gli sfollati — quelli che hanno perduto le loro case e le loro città e sono dispersi nel loro paese — i profughi — quelli sparsi ai quattro angoli del mondo — e i rifugiati — quelli che chiedono e quelli che ottengono asilo, perché sfuggono a guerre e persecuzioni riconosciute da altri Paesi. Poi esistono delle sottocategorie, che spaccano i fuggiaschi in quattro. La dizione più suggestiva è quella: displaced persons — gli spostati! E anche qui: gli sfollati invidiano i profughi, i profughi invidiano i rifugiati, i rifugiati in Italia invidiano i rifugiati in Svezia… Alla fine del 2013, i diversi profughi erano diventati 6 milioni di più che alla fine dell’anno precedente. A distanza di pochi mesi, il record è surclassato. (altro…)

Read Full Post »

Campagna "Io come tu".

Oggi, domenica 20 novembre si celebra la Giornata mondiale dell’infanzia per richiamare l’attenzione sulle terribili condizioni in cui vivono ancora milioni di bambini nel mondo e richiamare tutti gli Stati ad implementare e attuare la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La Convenzione con oltre 193 Stati parti è oggi uno dei trattati in materia di diritti umani con il maggior numero di ratifiche, ma la sua effettiva attuazione è ancora lontana.

Le condizioni di vita dei minori nel mondo sono oggi ancor più minacciate – evidenzia il Rapporto 2011 sulla condizione dell’infanzia nel mondo, pubblicato lo scorso febbraio – dagli effetti dei cambiamenti climatici, dalla rapida urbanizzazione e, soprattutto dalla recessione economica e dall’aumento della disoccupazione. Degli 1,2 miliardi di adolescenti nel mondo nove su dieci vivono nei Paesi in via di sviluppo dove a milioni di persone sono negati i diritti fondamentali alla tutela un’istruzione di qualità, assistenza sanitaria, e sono esposti ad abusi e sfruttamento” – segnala l’UNICEF. (altro…)

Read Full Post »

Corno d’Africa, la tragedia continua. Bambini in fuga tra le sparatorie.

Costretti ad abbandonare l’area di SOS Bambini coinvolta nei conflitti a fuoco fra le truppe dell’esercito del governo provvisorio, quelle dell’Unione Africana e le milizie islamiche di Al Shabaab. Gli aiuti dell’Unhcr e dell’Unicef. L’assistenza della Croce Rossa Italiana.

ROMA – I capitoli della lunga tragedia in Somalia e nel Corno d’Africa si arricchiscono, mentre il grande “circo” della solidarietà internazionale, prosegue il suo triste “spettacolo”. Ma nel frattempo, si è costretti a riportare la notizia di bambini costretti a fuggire tra le pallottole, in mezzo al fuoco incrociato dei continui scontri in a Mogadiscio fra le truppe del TFG (Transitional Federal Government), dell’AMISOM (African Union Mission in Somalia) e i ribelli di Al Shabaab 1, ci capitano anche i bambini, che sono stati costretti a fuggire, assieme allo staff del Villaggio SOS 2, a Mogadiscio. Ora sono al sicuro nell’area chiamata “Kilometre 13”, nel corridoio di Afgooye. L’ospedale SOS nella capitale è rimasto attivo. (altro…)

Read Full Post »

DA OGGI A MERCOLEDI’.

Sono 884 milioni di persone che non hanno accesso alla risorsa pulita. Tra queste, otto su 10 vivono in aree rurali; il fabbisogno minimo giornaliero di acqua da bere, cucinare e lavarsi è pari a 20-50 litri per persona. Nei Paesi poveri ogni persona ne consuma in media 10 litri al giorno.

ROMA – Acqua nelle città e condizioni igieniche al centro del ventesimo World Water Day 1 (fu lanciato dalla Nazioni Unite nel 1992) che, come ogni anno, si celebra il 22 marzo. Lo slogan “acqua per le città, una risposta alla sfida urbana” si coniuga diversamente in ogni continente con tempi e realtà differenti. Se in Africa la questione è drammaticamente quotidiana, in Italia è di prospettiva e di gestione delle risorse (con il referendum sulla cosiddetta “privatizzazione” alle porte). (altro…)

Read Full Post »