Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Vauro Senesi’

Di BattistaGUERRE DI CARTA.

I MEDIA HANNO DERISO IL 5 STELLE SENZA CONOSCERNE GLI ARGOMENTI.

Ho pensato spesso al significato della parola “terrorismo”. Ci ho pensato quando ero in Afghanistan, in Iraq, in Palestina. Là dove si combattevano e si combattono le “Guerre al terrorismo”, quelle “giuste”, le nostre. Una sola risposta sono riuscito a darmi: terrorismo è uccidere persone inermi e innocenti. E là, in quei luoghi di orrore, erano vecchi, donne, bambini, tanti bambini quelli che vedevo dilaniati da missili, cluster bombs, e altre armi ad “alta tecnologia”.   Certo un bambino, una donna si possono uccidere anche con un semplice kalashnikov, facendosi saltare con un giubbotto riempito di   esplosivo o addirittura   con un coltellaccio. Ma qual è allora la differenza tra “guerra giusta” e terrorismo? Può essere determinata soltanto dal grado di sofisticatezza tecnologica delle armi con le quali si perpetrano massacri? Credo che sia demenziale il solo pensarlo. (altro…)

Read Full Post »

Costa D'Avorio
NEGLI SLUM IN COSTA D’AVORIO SI MUORE PER GLI SCARICHI TOSSICI DI UNA MULTINAZIONALE.
Abidjan (Costa d’Avorio) – Vista da lontano, dalla strada asfaltata, prima di addentrarvisi la baraccopoli Attè Coubè di Boribana ad Abidjan appare come una sterminata chiazza grigia. I tetti di lamiera, di cartone o di tela sono così a ridosso tra loro da dare la sensazione di un tutt’uno scolorito uniformemente dalla miseria. Una chiazza grigia schiacciata tra gli ultimi brandelli di città e l’acqua limacciosa della laguna della baia. Ma appena i piedi calpestano la fanghiglia del Dedalo dei suoi vicoli strettissimi ritagliati tra le baracche, tanto stretti che due persone affiancate stentano a passarvi, i colori esplodono rivelandone la vita come espulsi dalle vene della bidonville, i canali delle fogne a cielo aperto colmi di putridume indistinto.

(altro…)

Read Full Post »

Corfù. John Klusmire,il capitano della nave statunitense «Audacity of hope», è ancora in carcere. Nessun rappresentante dell’ambasciata americana lo ha incontrato, né chiesto di incontrarlo fino al momento in cui sto scrivendo. Pare inoltre che il trattamento a lui riservato da parte delle autorità carcerarie greche sia particolarmente duro; segno che questa nave dedicata ad Obama – dove su 52 persone in attesa di imbarco ben 30 sono cittadini Usa di religione ebraica, molti gli anziani tra di loro – viene realmente considerata alla stregua di un pericoloso covo di terroristi di Hamas. Alle 18 di ieri la nave canadese ancorata a Creta – cui il giorno prima era stata negata l’autorizzazione a prendere il largo alla volta di Rodi – è salpata, ma dopo 20 minuti è stata abbordata dalla guardia costiera greca e costretta a rientrare. Di fatto le navi della «Freedom flotilla» sono sequestrate a norma di un articolo del codice di navigazione greco applicabile solo in caso di guerra o di emergenza interna. (altro…)

Read Full Post »