Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘pd’

Carissime elettrici ed elettori del PD, carissimi attivisti, cari Bersani, Renzi e Emiliano. Cari Vendola e – insomma – cari tutti voi della galassia paraPiddina.

Sono consapevole che nel dividere, ma non imperare, che vi sta travolgendo, i 5 punti di distacco dal Movimento potrebbero diventare una sorta di ossessione, insomma so che state passando un brutto periodo. Lo capisco anche dalla vostra fissazione per noi e dalle accuse o autocritiche di colpevolezza per averci facilitato. Stanno spuntando editoriali e dichiarazioni che ci paragonano ad una specie di problema di salute che voi avreste ignorato per troppo tempo. E credo proprio che questo non riconoscerci pubblicamente come avversari, ma subirci tutti i giorni mentre sveliamo le vostre tramette, stia diventando troppo duro per voi tutti. (altro…)

Read Full Post »

Alla Camera – Bocciata la proposta M5s per estendere agli onorevoli la Fornero, ma arriva la sforbiciata del 10% sopra i 70mila euro l’anno.

Furbate politiche e spintoni rugbistici. In una giornata di insulti e ripicche, il Pd taglia (poco) i super vitalizi degli ex deputati, mentre conserva i privilegi degli onorevoli in carica. I 5Stelle vanno in trance agonistica: prima l’invasione dei deputati negli uffici della presidente Boldrini, dove si votavano i provvedimenti. Poi la protesta in Aula, durante il question time (con tanto di sospensione della diretta Rai) e i cartelli a favore di telecamere e smartphone: #sitengonoilprivilegio. (altro…)

Read Full Post »

I parlamentari pentastellati hanno interrotto il question time nell’aula di Montecitorio esponendo cartelli di protesta e hanno cercato di fare irruzione nell’ufficio della presidentessa Laura Boldrini. Il Pd propone un contributo di solidarietà limitato nel tempo che a regime porterebbe un risparmio di 2,5 milioni l’anno. Il vicepresidente della Camera: “Fumo negli occhi degli italiani. Agiscono sull’1% della spesa e tra tre anni si riprendono tutto”. (altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

Minzolini salvato – Cresce la protesta degli elettori sui social.

Continua a montare sui social network la protesta dei militanti e degli elettori del Partito democratico, contro il voto dei 19 senatori dem presenti in aula e degli altri assenti “giustificati”, che ha sbarrato la strada alla decadenza da Palazzo Madama di Augusto Minzolini.

La torsione oltre il limite della manipolazione con la quale, attraverso giornali e Tg, si è tentato di rimuovere dalla mente dell’elettorato tradizionale il ricordo delle monetine tirate in gioventù contro il partito degli inquisiti, per sostituirlo con le scene di giubilo per l’assoluzione a furor di casta del Direttorissimo condannato in terzo grado per peculato continuato, ha provocato una crisi di rigetto dalla dimensione inaspettata. (altro…)

Read Full Post »

Enna, Napoli, Irpinia: i capibastone sono sempre al lavoro, ma il Nazareno minimizza. Dopo anni di declino, il partito torna a quota 420 mila. Boom a Firenze e in Toscana.

Le code fuori dai circoli in provincia di Enna e di Catania, i pacchetti di tessere acquistati dai capibastone e offerte gratuitamente a Napoli, il caos delle iscrizioni online in Irpinia, i numeri difficili da spiegare in tante Regioni e le segnalazioni di irregolarità che arrivano da mezzo Paese. Le cronache locali hanno raccontato questi episodi con dovizia di particolari: è lo spettacolo che si è consumato nelle ultime settimane, in vista del congresso del Pd e dell’elezione del segretario. Un evergreen della politica “tradizionale”: quando nei partiti è il momento della conta, i signori delle tessere cominciano a lavorare. Ogni corrente ha i suoi azionisti: gestiscono pacchetti di iscrizioni, prendono possesso dei circoli, dettano i rapporti di forza a livello locale, fanno sentire il proprio peso nella scelta delle candidature. Non c’è rottamazione che tenga. (altro…)

Read Full Post »

A Pomezia – Nel 2016 l’allora premier in visita alla Ads Group: 500 assunzioni grazie alla riforma del lavoro. Ora, passato un anno, ammortizzatori sociali.

Si potrebbe dire che quello che tocca il circuito fiorentino di Renzi, poi appassisce. O, a voler essere obiettivi, quanto meno ne esce ammaccato. Come nel caso dell’azienda tecnologica di Pomezia che, con ottimi fatturati e alti livelli di assunzioni, si ritrova a dover fare i conti con i problemi rimasti dopo l’improvvisa uscita dal consiglio di amministrazione del renziano (già definito il “Ministro dello sviluppo economico mancato”) Chicco Testa, e di Luigi Dagostino, immobiliarista ed ex socio di Tiziano Renzi. E anche con la cassa integrazione. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »