Feeds:
Articoli
Commenti

Fiesta

Al presidente è riuscita un’altra magia: aver spostato il baricentro del discorso dai numeri e dalla realtà, alla sua narrazione. I numeri forniti dall’Istat su lavoro e PIL sono stati usati ai fini dello storytelling: l’Italia riparte, è la volta buona, viva le riforme.
Ieri è stata una grande giornata per Renzi e per i renziani. Specie quelli da tastiera.

Vai a spiegare, in 140 caratteri, che la disoccupazione cresce ma per gli over 50 e grazie alla Fornero:

“per l’Istat l’effetto sui dati c’è l’ha avuto per la legge Fornero. Nel secondo trimestre, in-fatti, crescono solo gli over50(+5,8%) mentre calano i 18-34 (-2,2%) e i 35-49 (-1,1%), “anche a motivo delle mancate uscite generate dall’inasprimento dei requisiti per accedere alla pensione”. Tradotto: quegli over 50 non sono mai usciti dal mercato del lavoro.” Carlo di Foggia sul FQ

Continua a leggere »

Natangelo

azzolliniAzzollini si è salvato, Tremonti probabilmente e su Bilardi la Giunta fa melina.

Azzollini si è salvato, Tremonti probabilmente, Bi-lardi chissà. Semplificando un po’, si potrebbe dire che l’amnistia proposta dal Papa i parlamentari se la stiano facendo da soli, senza bisogno di ispirazioni celesti.   A fine luglio il Senato aveva salvato l’onorevole del Nuovo Centro Destra Antonio Azzollini, coinvolto nell’inchiesta sul crac della casa della Divina Provvidenza di Bisceglie. Grazie al soccorso degli alleati di governo del Pd, il Senato ha risparmiato il carcere all’ex presidente di commissione, respingendo la richiesta dalla magistratura e ignorando il parere positivo dalla giunta delle immunità di Palazzo Madama.   Continua a leggere »

Francesco Nell’Anno Santo anche i preti, e non solo i vescovi, potranno perdonare le donne che interrompono la gravidanza.

Papa FrancescoCi sono tre elementi interessanti nella lettera che il Papa ha inviato ieri a monsignor Fischella, il presidente del pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione a cui spetta l’incarico di promuovere le iniziative per il Giubileo.   Il primo è la richiesta rivolta alle autorità politiche di un’amnistia straordinaria. “Il Giubileo – scrive Francesco – ha sempre costituito l’opportunità di una grande amnistia, destinata a coinvolgere tante persone che, pur meritevoli di pena, hanno tuttavia preso coscienza dell’ingiustizia compiuta e desiderano sinceramente inserirsi di nuovo nella società portando il loro contributo onesto”. Continua a leggere »

Migranti

Il personaggio
La cancelliera si impegna ad accogliere in Germania 800 mila rifugiati. E l’Ungheria di Orbàn l’accusa apertamente: “Il caos dei migranti è tutta colpa sua”.

BERLINO – Stupisce anzitutto Angela Merkel, e poi la Germania che governa da dieci anni. La ricordavo raffigurata sui giornali europei con in testa l’elmo chiodato, stile Bismarck. Era l’incarnazione di un paese opulento che esigeva l’ austerità, il rigore necessario per aggiustare i conti ma anche origine di disoccupazione e di povertà. Era la paladina di una disciplina teutonica poco adatta al clima mediterraneo. Per questo era temuta, detestata e insultata, in particolare nella Grecia indebitata. La sua immagine è mutata nello spazio di un fine stagione, mentre gli occidentali rientravano dalle vacanze e sull’Unione europea, che cominciava a respirare dopo una crisi economica di anni, si è abbattuta una nuova calamità: la tragedia più grave dalla fine della Seconda guerra mondiale.

Continua a leggere »

gufiSpin L’obiettivo è creare confusione sui dati e rendere difficile valutare le politiche pubbliche.

Il titolo dell’intervista di Matteo Renzi al Corriere della Sera, domenica scorsa, era questo: “In arrivo dati positivi, le unioni civili si faranno”. Lunedì l’Huffington Post pubblica un retroscena: “Istat, il governo ottimista sui nuovi dati sull’occupazione”. A Palazzo Chigi“ora si respira ottimismo:i nuovi dati sull’occupazione che l’Istat diramerà domani, questa volta molto probabilmente saranno positivi”. Eppure la politica non dovrebbe conoscere in anticipo i dati ufficiali sull’economia.   Da alcuni anni,l’Istat è molto attento a comunicare in anticipo il calendario dei suoi comunicati: la puntualità e la prevedibilità sono cruciali per garantire che i dati siano credibili. Continua a leggere »

La Corte di Strasburgo sulla detenzione di tre tunisini.Renzi: “Europa si gioca faccia e dignità”.

ROMA . Caos a Budapest, flusso incontrollato verso l’Austria, allarme nelle cancellerie europee. Non si ferma l’emergenza migranti con l’arrivo a Vienna di oltre 3.600 profughi. Cresce la tensione in Europa. Angela Merkel gioca in difesa e nega ogni «corresponsabilità» nel caos ungherese. Ma fanno rumore i numeri dell’Oim (Organizzazazione internazionale per le migrazioni): 351mila migranti hanno attraversato il Mediterraneo da gennaio a oggi, 115mila quelli giunti in Italia e almeno 2.643 morti in mare. Islandesi in prima linea nell’accoglienza: dopo che il governo di Reykjavik si era limitato ad offrire ospitalità a massimo 50 rifugiatisiriani, 12 mila cittadini hanno aderito a una petizione lanciata su Facebook, mettendo a disposizione le proprie case. Continua a leggere »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.315 follower