Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2017

settis

Salvatore Settis – “Per far risorgere la democrazia in Italia bisogna riportarla nei partiti, dando più voce alla comunità”.

Ci voleva Matteo Renzi per smentire Giulio Andreotti. Il grande vecchio della prima (e perdurante) repubblica sibilava “il potere logora chi non ce l’ha”, Renzi ha mostrato che il potere logora chi ce l’ha: lui. Ma Renzi non è il solo a patire di questo gran rimescolamento di carte post-referendum, e non basta consolarsi pensando che è stato bocciato in diritto costituzionale dal voto popolare e ora anche dalla Consulta. Non stiamo forse rischiando di disperdere lo slancio ideale di chi ha votato No perché crede alle ragioni della Costituzione? Tutti lamentano la crisi della rappresentanza e l’allontanarsi dei cittadini dalla politica, ma come arrestare questo degrado? Come far risorgere dalle ceneri una democrazia costituzionale? (altro…)

Annunci

Read Full Post »

renzi

Macché ascolto – Arriva a Rimini dagli amministratori Pd e si barrica nel backstage. Poi comincia il primo discorso post-dimissioni con una vittima del Rigopiano.

I giornalisti si attendono che noi ora replichiamo a quello che si è detto in un’altra assemblea. Peccato: vi è andata male. Riprovate, sarà per un’altra volta”. Rimini, Palacongressi, assemblea degli amministratori locali del Pd. Dopo quasi un mese e mezzo di silenzio pubblico, Matteo Renzi torna su un palco. La cifra politica la dà il non-attacco a Massimo D’Alema, che a Roma ha evocato la scissione democratica. In prima fila, sono arrivati dalla convention col Lìder Massimo, Roberto Speranza e Nico Stumpo. (altro…)

Read Full Post »

terremoto

Ho appena concluso due giorni di incontri negli alberghi della costa adriatica e dell’entroterra, dove alloggiano i cittadini colpiti dal terremoto dell’Italia centrale.

Abbiamo tenuto delle vere e proprie assemblee, lontano dalle telecamere, dove ognuno di loro ha avuto modo di spiegare quello che non sta funzionando, i problemi che sta vivendo e le proprie speranze.

Per me, Patrizia Terzoni e Laura Castelli è stato un confronto fondamentale, alcuni di loro si sentono totalmente abbandonati, c’è chi ci ha detto “siete gli unici ad aver avuto il coraggio di venire qui, per ora ci assistono gli albergatori, non lo Stato”. C’era tanta rabbia ma anche tanta voglia di ripartire. (altro…)

Read Full Post »

La costruzione del muro col Messico .. il blocco degli ingressi da una serie di paesi islamici (quelli con cui Trump non fa affari o non ha ricevuto sostegno, pare) ..
I fondi per l’aborto chiusi..
In pochi giorni Trump è riuscito a piazzare una serie di mosse, molte delle quali per soli fini mediatici, che secondo me hanno solo l’obiettivo di alzare il livello del tifo da stadio.
I tifosi pro Trump, da copione, si difenderanno dicendo che sta mantenendo le promesse elettorali, per cui è stato votato.
I tifosi contro, sempre da copione, parleranno di violazione dei diritti umani, del caos negli aeroporti, dei toni xenofobi. (altro…)

Read Full Post »

trump

I procuratori di 15 Stati fermano le espulsioni: la misura è incostituzionale. Incertezza al ministero dell’Interno Manifestazioni in molte città, “assedio” alla Casa Bianca.

Stop ai rifugiati, in Usa dilaga la protesta E Donald rincara: non farò come la Ue.

NEW YORK – Law&Order sembrano non abitare più qui. L’America è nel caos, un Paese più diviso che mai. E ora cerca di districarsi dal pasticciaccio provocato dall’ordine esecutivo firmato venerdì sera da Donald Trump, che ha sbarrato le porte ai rifugiati e ai cittadini di sette grandi Paesi musulmani, attraverso ricorsi e sentenze di giudici locali.
Il primo schiaffo al nuovo capo della Casa Bianca è arrivato già sabato sera: con la decisione del giudice federale di Brooklyn Ann Donnelly, che ha ordinato alle autorità di non procedere alle “deportazioni” dei cittadini con i documenti in regola provenienti dai Paesi mediorientali e africani banditi.

(altro…)

Read Full Post »

natangelo

Read Full Post »

emiliano

Il governatore della Puglia intervistato da Lucia Annunziata a ‘In mezz’ora’ avverte il suo segretario: “Lui non può fare degli italiani e del partito quello che gli pare. Se ci sarà bisogno di candidarsi mi candiderò: ho consensi perché sono indipendente”. La replica di Orfini e Guerini: “Si rilegga lo statuto”.

“Un congresso è necessario, se il segretario lo nega, allora è lui arrivare a una scissione, non gli altri”. Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, attacca Matteo Renzi come principale responsabe delle divisioni che stanno animando il Partito democratico. Divisione fotografate da quanto accaduto sabato: nel giorno in cui il segretario del Pd tornava sulla scena dopo la sconfitta del 4 dicembre convocando a Rimini l’assemblea degli amministratori locali, la minoranza dem si è data appuntamento a Roma con Sinistra Italiana, per ripartire dai Comitati del No.  (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »